Studio di microzonazione sismica di livello 3

Con Ordinanza del Commissario del Governo per la ricostruzione nei territori interessati dal sisma del 2016 n. 24 del  12 maggio 2017 è stato finanziato lo Studio di Microzonazione sismica di livello 3 del Comune di Fabriano.

Con nota del 18/06/18, a seguito della verifica di conformità finale dello stesso da parte del  Gruppo di lavoro costituito ai sensi della sopracitata ordinanza, il Commissario Straordinario del Governo ha comunicato l'approvazione dello studio.

 

 

Consultabile sulla piattaforma "Map Gentile 2 - Informazioni Territoriali"  da oggi lo studio di microzonizzazione  simica di livello 3 di Fabriano

 

 

>>> VAI AL MAP GENTILE 2 ( dal menù a tendina selezionare la microzonizzazione sismica e dal menù di sinistra selezionare i tematismi di interesse)

 

>>> SCARICA LO ZIP CON TUTTI FILE

 

A breve sarà organizzato un incontro per illustrare tutte le funzionalità del servizio interattivo.

Nel prossimi giorni comunicheremo luogo e data dell'incontro.

 

 

ART BONUS: sostieni l'intervento all'archivio storico di Fabriano

 

 

logo header

 

 

MISURE URGENTI PER FAVORIRE IL MECENATISMO CULTURALE

Ai sensi dell'art.1 del D.L. 31.5.2014, n. 83, "Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo", convertito con modificazioni in Legge n. 106 del 29/07/2014 e s.m.i., è stato introdotto un credito d'imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo, il c.d. Art bonus, quale sostegno del mecenatismo a favore del patrimonio culturale.

Chi effettua erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura, come previsto dalla legge, potrà godere di importanti benefici fiscali sotto forma di credito di imposta

 

 

VUOI DIVENTARE UN MECENATE?

Se vuoi effettuare una erogazione liberale a sostegno della cultura, individua l'intervento  che vuoi sostenere con la tua donazione, in coerenza con quanto previsto della legge che regola L'Art bonus, contatta il beneficiario e concorda con lui i dettagli dell'erogazione, effettua il versamento secondo le modalità previste e conserva la ricevuta con l'evidenza della causale “Art bonus - Ente Beneficiario - Oggetto dell’erogazione”.
Usufruisci delle agevolazioni fiscali!

 

Il Comune di Fabriano ha già inserito nel portale ART BONUS un intervento relativo all' ARCHIVIO STORICO presso la Biblioteca R.Sassi.

 

>>>> Vai alla scheda dell'intervento 

 

 

L'AMAT ha inserito nel portale ART BONUS un intervento relativo al sostegno della stagione di prosa del Teatro Gentile

 

>>>> Vai alla scheda dell'intervento

 

 

 

Per saperne di piu:

>>Portale ART Bonus

>> FAQ

 

 

 

ALBO VOLONTARI CIVICI

E’ istituito l’Albo Comunale dei Volontari Civici, al fine di applicare i principi di sussidiarietà e di partecipazione attiva da parte del cittadino allo svolgimento di compiti di utilità civica nel Comune di Fabriano.

Con Determina del responsabile del Servizio n. 562 del 10.10.2017 sono stati ampliati i settori di intervento che sono descritti nel nuovo disciplinare:

ALBO COMUNALE DEL VOLONTARIATO CIVICO – NUOVO DISCIPLINARE

 

L’Albo è normato dal Regolamento Comunale per l’utilizzo del Volontariato Civico nelle strutture e nei servizi del Comune di Fabriano”, approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.164 del 14.10.2014 (135 KB), pubblicato il 17.10.2014.

Possono iscriversi all’Albo Comunale dei Volontari Civici tutti i cittadini, di età non inferiore a 18 anni che intendono dare la propria disponibilità allo svolgimento di attività di pubblico interesse e che abbiano i requisiti esposti all’art.3 del suddetto Regolamento.

 

La richiesta di iscrizione all’Albo Comunale dei Volontari Civici, redatta sull’apposito modulo [ MODELLO DI DOMANDA ], va consegnata all’ufficio protocollo del Comune di Fabriano (Piazzale 26 settembre 1997) - orario: da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00 / martedì e giovedì dalle 15.30 alle 18.00.

Si rende noto che il Comune di Fabriano garantirà a proprie spese un’adeguata copertura assicurativa contro gli infortuni in cui potrebbero incorrere i volontari durante l’espletamento delle attività, nonché per la responsabilità civile verso terzi conseguente a colpa nello svolgimento delle mansioni loro affidate.

L’Albo sarà pubblicato sul sito istituzionale dell’Ente e sarà aggiornato con cadenza annuale entro il 31 gennaio di ogni anno.

Il Regolamento per l’istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato Civico e il modulo d’iscrizione possono essere ritirati all’URP – Ufficio Relazioni con il Pubblico o scaricati dal sito internet: www.piazzalta.it

Per informazioni: tel. 0732 709373 

 

>>ELENCO DEI VOLONTARI

 

 

Esprimi la tua volontà sulla Donazione di Organi e Tessuti

scelta comune

Da oggi quando rinnovi o richiedi la Carta d'Identità all'Ufficio Anagrafe puoi dichiarare la tua volontà sulla donazine di organi e tessuti, firmando un semplice modulo.

Maggiori informazioni su: Una scelta in comune

 

DOST - Documento Strutturale Fabriano 2012

logodostbig

 

Il Documento strutturale Fabriano 2012 - Le sfide di una città in transizione costituisce per il Comune di Fabriano un quadro organico di riferimento per le strategie di sviluppo e di governo del territorio dei prossimi anni.

 

Il Documento è stato approvato con Documento in formato Adobe AcrobatDelibera di Consiglio n. 25 del 05.03.2012 (99 KB), di seguito è disponibile la relazione generale con tutti i relativi allegati.

 
 

Documento in formato Adobe Acrobat Parte economico strutturale (4336 KB)

CUG COMITATO UNICO DI GARANZIA

Azioni positive

I Piani triennali di Azioni Positive, approvati dalla legge 125/91, vogliono promuovere interventi rivolti a migliorare la posizione delle donne nel mercato del lavoro, cercando soluzioni per una migliore conciliazione tra vita lavorativa e vita privata. Per tale ragione sono stati creati orientamenti specifici, attività formative, organizzative e sperimentazioni, che hanno la finalità di potenziare le possibilità di lavoro e di carriera delle donne, eliminando e prevenendo la discriminazione al fine di compensarne gli svantaggi. 

 

Il decreto legislativo 198/2006 prevede che le Amministrazioni dello Stato, le Province, i Comuni e tutti gli enti pubblici non economici, nazionali, regionali e locali, predispongano piani di azioni positive che mirino a eliminare gli ostacoli che impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne.

I Piani di azione positive prevedono un monitoraggio dell'organico distinto per genere e categoria con lo scopo di far emergere il profilo occupazionale dell'amministrazione; inoltre si pongono il proposito di contenere la descrizione degli obiettivi che l'amministrazione vuole raggiungere con l'attuazione del Piano, la definizione in specifico delle azioni da realizzarsi e le persone coinvolte e, infine, l'impegno di spesa e i tempi di realizzazione.

Documento in formato Adobe AcrobatPiano_azioni_positive_Comune_di_Fabriano 2015-2017.pdf

 

Documento in formato Adobe AcrobatDoc-640339210312094054.pdf

CUG

L'art.57 del D. Lgs. n. 165/2001, come integrato dall'art.21 della Legge n.183/2010 (collegato al lavoro) ha previsto, all’interno delle pubbliche amministrazioni, la costituzione del “Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni” (CUG), che sostituisce, unificando le relative competenze, i Comitati per le Pari opportunità e i Comitati paritetici per il fenomeno del mobbing, dei quali assume tutte le funzioni previste dalla legge, dai contratti collettivi relativi al personale delle amministrazioni pubbliche o da altre disposizioni.

Il CUG ha composizione paritetica ed è formato da un componente designato da ciascuna delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello di amministrazione e da un pari numero di rappresentanti dell'amministrazione, in modo da assicurare nel complesso la presenza paritaria di entrambi i generi.

 

Decreto n. 116 del 15.05.2017

RINNOVO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI AI SENSI DELL’ART. 21 DELLA LEGGE 183/2010- NOMINA COMPONENTI

 

Archivio

Documento in formato Microsoft Wordcug.doc
Documento in formato Adobe AcrobatDECRETO_DIR._56_DEL_26.06.2012.pdf
Documento in formato Adobe AcrobatCUG_piano_azioni-1-1.pdf

Normativa di riferimento

Documento in formato Adobe AcrobatLEGGE 183/2010
Documento in formato Adobe AcrobatDirettiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 04/03/2011 “Linee Guida sulle modalità di funzionamento dei Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni
Documento in formato Adobe AcrobatAvviso di Interpello al personale finalizzato alla nomina del Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (art. 21 L. 183/2010 e Direttiva della Presidenza del Consigli
Documento in formato Adobe AcrobatRegolamento per il funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Refezione scolastica

Refezione scolastica

News

 LA COMMISSIONE MENSA E' IN FASE DI NUOVA NOMINA.

Archivio comunicazioni dell'ASUR

Documento in formato Adobe AcrobatOPUSCOLO INFORMATIVO: Piano Dietetico Base
Documento in formato Microsoft WordPIANO DIETETICO - raccomandazioni ed aggiustamenti da parte del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ASUR Z6 (162 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatPIANO DIETETICO - comunicazione dell'ASUR (07.02.2011) (77 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatPIANO DIETETICO - comunicazione dell'ASUR (21.02.2011) (63 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatPIANO DIETETICO - comunicazione dell'ASUR (04.03.2011) (74 KB)
Documento in formato Microsoft WordPIANO DIETETICO - comunicazione dell'ASUR (17.11.2011) (126 KB)
Documento in formato Microsoft WordPIANO DIETETICO - comunicazione dell'ASUR (09.01.2012) (124 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatNote informative sul menù per i genitori (284 KB)

 

Analisi acqua - tamponi - superfici presso i punti cottura:

ELENCO FORNITORI

- Elenco fornitori derrate alimentari anno scolastico 2017/2018

Verbali

- VERBALE SEDUTA DELLA SEDUTA DEL 21.12.2017

 

 

ARCHIVIO

Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 14.01.2011 (13 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 04.11.2011 (12 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 20.01.2012 (17 KB)
Documento in formato Adobe Acrobatseduta della commissione del 30.03.2012 (14 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatSeduta della commissione del 16.11.2012 (23 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 17.01.2013 (24 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 22.02.2013 (56 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 03.10.2013 (718 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 17.10.2013 (365 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 05.12.2013 (1349 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 03.04.2014 (1137 KB)
Documento in formato Adobe AcrobatVerbale seduta della commissione del 19.02.2015 (1231 KB)

Diete speciali - informativa e modulistica

La richiesta di dieta speciale può essere avanzata nei casi di:

  1. patologia che necessita di esclusione di particolari alimenti
  2. diabete
  3. allergia / intolleranza/e alimentari / celiachia
  4. sovrappeso, obesità
  5. magrezza con grave sottopeso
  6. gastrite, gastroduodenite, chetosi con necessità di dieta leggera per un periodo superiore a tre giorni
  7. motivazioni etico-religiose

 

DIETA SPECIALE PER PATOLOGIA

Nei casi in cui ai n. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 il genitore o chi esercita la patria potestà o il soggetto adulto utente del servizio, per fruire della possibilità di una dieta personalizzata in risposta a particolari esigenze cliniche, presenta annualmente al Comune - Servizio Ristorazione Scolastica, entro il 10 Settembre, la richiesta di dieta speciale redatta sul Modulo A allegato.

Alla richiesta va allegata la certificazione medica dettagliata rilasciata dal Pediatra di libera scelta, dal Medico di Medicina Generale o dallo Specialista per la patologia per la quale si richiede la dieta.

La certificazione deve attestare la diagnosi, la sintomatologia, gli accertamenti diagnostici, le esclusioni di alimenti e le scelte alimentari possibili e la eventuale durata del trattamento.

Per le problematiche previste al punto 2 - reazioni avverse agli alimenti -, considerate le molte incertezze nella diagnosi che spesso viene affidata a metodologie non idonee, occorre allegare certificato medico contemplante la sintomatologia, la diagnosi, gli accertamenti eseguiti, i test allergologici validati eseguiti, la eclusione di un alimento/più alimenti dalla dieta scolastica per la positività ai test.

Infine se sussistono problemi di natura diversa (difficoltà di deglutizione, problemi ortodontici, disabilità) che necessitano di una dieta particolare è necessario presentare il Modulo A corredato di certificato medico e prendere appuntamento con il personale sanitario della ZT6.

Le diete speciali per patologia per le quali non sussistano modifiche potranno essere mantenute nel successivo anno scolastico, senza previa presentazione al Comune di richiesta che attesti il persistere della patologia.

Modulo A (84 KB)

DIETA SPECIALE PER MOTIVAZIONI ETICO - RELIGIOSE

Nei casi che ricadono nel n. 7 in relazione alla esigenza di escludere alcuni alimenti da parte di coloro che seguono regimi dietetici particolari (es. musulmani, vegetariani, vegani...), deve essere prodotta e presentata, entro il 10 settembre, al Comune - Servizio Ristorazione Scolastica, una autocertificazione firmata dal genitore o da chi è responsabile del minore o dal soggetto - utente adulto - redatta sul Modulo B.
In tali casi non è necessario presentare alcun atto medico.
Anche la richiesta di dieta etico-religiosa va annualmente rinnovata.

In ambedue i casi il modulo di richiesta deve essere consegnato in busta chiusa presso il Comune - Ufficio Refezione Scolastica - in coincidenza dell'inizio dell'anno scolastico rispettando il termine del 10 settembre.
Nei casi insorti o diagnosticati durante l'anno scolastico la procedura prevede le stesse modalità operative.
La richiesta deve essere realizzata in maniera conforme al presente protocollo ed essere completa di:

  • nome, cognome del soggetto richiedente (genitore / tutote / utente del servizio refezione)
  • denominazione Istituto Comprensivo - Plesso Scolastico, Classe e Sezione di appartenenza
  • indirizzo, numero telefonico della famiglia per eventuali contatti
  • liberatoria per l'utilizzo dei dati personali, connessi ai soli fini istituzionali, nell'assoluto rispetto della normativa sul trattamento dei dati personali (D.Lgs 196/03)

Le richieste incomplete o difformi al presente protocollo non potranno essere evase.
Le eventuali variazioni o le richieste di sospensione rispetto alla dieta speciale devono essere inviate tempestivamente al Comune.
Nel caso in cui la dieta speciale prosegua per più di un anno scolastico si deve consegnare ogni anno, entro il 20 settembre, all'Ufficio Ristorazione Scolastica il modulo di richiesta, altrimenti la dieta speciale sarà automaticamente annullata.
Per sospendere anticipatamente la dieta speciale bisogna avanzare comunicazione diretta all'Ufficio Ristorazione Scolastica.

Documento in formato Microsoft Word Modulo B (115 KB)

DIETA LEGGERA

Per un periodo non superiore ai tre giorni, nei casi di malessere temporaneo o di remissione da stati temporanei di indisposizione, è possibile che i genitori richiedano direttamente al Plesso Scolastico di appartenenza il mattino entro le ore 8.30, una dieta leggera o dieta in bianco attraverso il Modulo C, senza necessità di allegare prescrizione medica.
La segreteria del plesso scolastico provvede contestualmente a rivolgere la richiesta al personale referente del centro cottura che elaborerà il pasto sulla base della modulazione degli alimenti prevista nella tabella di sostituzione allegata.

Documento in formato Microsoft Word Modello C (114 KB)

 

 

Approfondimenti

Immagine in formato Jpeg Consumo di crucifere e rischio di cancro (75 KB)

Obesità, sovrappeso e mense scolastiche

I menu' per i bambini? Negli USA sono un trionfo di grassi...

Bibite zuccherate: 10 buone ragioni per smettere di consumarle. Il decalogo proposto da Fooducate

Troppi adolescenti bevono energy drink

Dieta mediterranea: uno studio spagnolo conferma i benefici della'limentazione ricca di frutta, verdura, cereali ed olio di oliva

Tumori: una corretta alimentazione riduce il rischio del 30%

Cala obesità infantile, ma situazione resta grave

Archivio

Documento in formato Adobe Acrobat Dieta mediterranea, solo pastasciutta? (107 KB)

Ristorazione scolastica: promozione ed educazione a una sana alimentazione

Meno sale ai bambini

Il pomodoro… “oro” per la salute!

Tutti i colori a tavola

Nutrizione e divertimento

Come convincere i ragazzi a mangiare meglio?

I ragazzi obesi sono i più vulnerabili agli spot di junk food e i bambini italiani i più martellati

L'immagine della verdura sul vassoio spinge i bambini a mangiarne di più. Il risultato di uno studio USA

Broccoli e cavolfiori: una ricerca dell'Istituto Mario Negri sembra confermare il ruolo antitumorale di questi vegetali

Veronesi: "Attenti all'alimentazione innesca i tumori più del fumo"

La dieta mediterranea

L' adesivio con un personaggio famoso rende la mela piu' gradita

L'efficacia di vietare il cibo spazzatura nelle scuole

Barrette ai cereali? Gustose ma non dietetiche

Bibite zuccherate: condanna senza appello del mondo scientifico

Quando il cibo diventa un gioco i bambini mangiano più frutta e verdura

Le bibite zuccherate non danno la felicità

Quando a scuola arriva la frutta, il consumo di merendine, snack e bibite gassate dimezza

Guadagnare salute sana alimentazione e vita attiva

Nutrizione e divertimento

Come convincere i ragazzi a mangiare meglio

I ragazzi obesi sono i più vulnerabili agli spot di junk food

Canguro Salta la Corda: la corretta alimentazione per i bambini

L'alimentazione mediterranea per la famiglia

Normativa

Documento in formato Adobe Acrobat Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica (860 KB)

 

Rassegna stampa

Documento in formato Adobe Acrobat Il Resto del Carlino (18 gennaio 2013) (244 KB)

Centri per le famiglie Fabriano

 
  

 

NEWS: “BE SPRINT: a Fabriano incontro e formazione per i genitori dei bambini 0-6 anni

 

 

CHE COSA SONO?

I “Centri per le Famiglie” sono luoghi di socialità, scambio e solidarietà tra persone, famiglie, generazioni e servizi.

Sono spazi in cui singoli, coppie, genitori e futuri genitori possono trovarsi per confrontarsi tra loro e con dei professionisti, co-progettare attività, sviluppare relazioni, o passare semplicemente del tempo insieme, nell’ottica della promozione del benessere.

 

A CHI SI RIVOLGONO?

I “Centri per le Famiglie” si rivolgono principalmente alle famiglie con figli minori (0-18 anni), ma sono aperti alla partecipazione di tutti coloro che vogliono offrire la propria disponibilità, condividere le proprie competenze, proporre idee ed attività.

 

DA CHI SONO GESTITI?

I “Centri per le Famiglie” nascono da un progetto della Regione Marche e dall’Ambito Territoriale Sociale n. 10, in collaborazione con i Comuni 

La programmazione ed il coordinamento delle attività sono a cura di un Gruppo di lavoro al quale partecipano le realtà del territorio che operano per la promozione del benessere della famiglia.

L’animazione dei Centri è affidata ad Associazioni di volontariato e culturali, Organizzazioni del privato sociale, Servizi pubblici locali.

 

CHE COSA OFFRONO?

- laboratori per genitori (nonni/zii/baby sitter…) e bambini insieme;

- corsi, seminari ed incontri con esperti per ricevere un sostegno nella relazione educativa con i figli; 

- scambio di esperienze tra famiglie;

- laboratori pratici dedicati agli adulti;

- momenti educativi con i propri figli, insieme ad altre famiglie, attraverso l’utilizzo del gioco, della narrazione, della musica e di altre forme espressive;

- spazi per promuovere iniziative, in un’ottica di partecipazione attiva.

 

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA' :

volantino mese di febbraio 2019

 

SEDIE ORARI

A Fabriano: Via De Gasperi, 10 (c/o Complesso S. Antonio Fuori le Mura)
Aperto il lunedì e giovedì, dalle 17:00 alle 19:00

 

-        A Sassoferrato: Piazzale IV Novembre, n. 1 (c/o Diverticentro, locali Stazione ferroviaria)
Aperto il mercoledì e il sabato, dalle 17:00 alle 19:00

 

PER ACCEDERE

Ai “Centri per le Famiglie” si accede in modo libero e gratuito.

 

PER COLLABORARE

I nostri “Centri per le Famiglie” sono aperti, per la gestione delle iniziative, alla collaborazione con associazioni, organizzazioni, gruppi di famiglie e singoli volontari. Contattateci!

 

CONTATTI

Ambito Territoriale Sociale n. 10
c/o Unione Montana dell’Esino-Frasassi
Via Dante, 268 - Fabriano (AN)
tel. 0732.695234
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/centrifamiglie/

 

Progetto Pappa Fish

Pappafish logo FEAMP definitivo

 

"Pappa Fish. Mangia bene, cresci sano come un pesce" è una campagna educativa alimentare della  Regione Marche per introdurre il pesce fresco locale nelle mense scolastiche del territorio, un progetto unico in Italia, cofinanziato dall'Unione Europea (FEAMP – Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca).Nell'iniziativa sono coinvolte le scuole pubbliche dell'infanzia, primarie e secondarie, le amministrazioni, gli operatori, i tecnologi alimentari e la filiera della pesca marchigiana. Il paniere del pesce locale include, oltre alle specie massive, anche il pesce azzurro, il cosiddetto 'pesce povero' e quello di acqua dolce. Tra gli obiettivi quello di abituare i bambini al consumo di pesce, ma anche quello di educare le nuove generazioni al consumo consapevole e la creazione di nuove opportunità per chi lavora nella filiera della pesca e dell'itticoltura.Da ben 4 edizioni il Comune di Fabriano partecipa alla campagna educativo alimentare con soddisfazione con un proprio progetto.

 

  

PAPPAFISH.IT - SITO WEB DEDICATO AL PROGETTO

 

IL PROGETTO A.S. 2016/2017

IL PROGETTO A.S. 2016/2017

ATTIVITA' SCUOLE

LOCANDINA CONVEGNO

SLIDE CONVEGNO

POSTER INFORMATIVA PROGETTO

 

IL PROGETTO A.S. 2015/2016

 

Convegno "La ristorazione scolastica"

 

- Presentazione 

- Dati assaggi a.s. 2015/2016

 

IL PROGETTO A.S. 2014/2015

Il Comune di Fabriano ha risposto al bando della Regione Marche per la realizzazione della II edizione di Pappa Fish, presentando un progetto per la realizzazione di attività legate alla campagna educativo alimentare nelle scuole.

Anche per l’a.s. 2014/2015 il progetto è stato approvato ed ammesso a contributo e pertanto da gennaio a maggio 2015 verranno svolte nelle scuole cittadine le attività legate alla campagna Pappa Fish che prevedono sia la somministrazione nelle mense scolastiche di pietanze a base di pesce fresco sia la realizzazione di attività didattiche in classe.

Il progetto viene realizzato in collaborazione con il SIAN (Sevizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione dell’ AsurAVn.2 e con i Dirigenti Scolastici ed insegnanti degli Istituti Comprensivi della Città.

In questa sezione verranno pubblicati tutti gli aggiornamenti sul progetto.

 

 

IL PROGETTO A.S. 2013/2014

 

Documento in formato Adobe AcrobatBrochure presentazione progetto

I GOVUT friends le storie per i bambini [ Documento in formato Adobe Acrobatposter e Documento in formato Adobe Acrobatschede]

Come si è svolta l’attività a mensa [ Documento in formato Adobe Acrobatcampionato pesce - Documento in formato Adobe Acrobattovaglietta]

Come si sono svolte le attività in classe – alcuni esempi  ( Documento in formato Adobe AcrobatScuola Infanzia Piazza Miliani, Documento in formato Adobe AcrobatScuola Infanzia Anna Malfaiera)

Brochure finale con le ricette delle mense scolastiche

 

 

Sportello antiviolenza del Comune di Fabriano

 
La sede dello Sportello è via Corridoni 21

Per contattare lo sportello antiviolenza è disponibile un nuovo numero, il
  370 311 9276 


ORARIO DELLO SPORTELLO:

LUNEDI e VENERDI dalle 15.00 alle 17.00
PRIMO SABATO di ogni mese dalle 10.00 alle 12.00

 

 

unesco fabriano 128px
Medaglia Bronzo al Valor Militare Città di Fabriano
Medaglia di Bronzo al Valore Militare
(D.P.R. 10 maggio 1976)
Back to top