Pari opportunità

Azioni positive

I Piani triennali di Azioni Positive, approvati dalla legge 125/91, vogliono promuovere interventi rivolti a migliorare la posizione delle donne nel mercato del lavoro, cercando soluzioni per una migliore conciliazione tra vita lavorativa e vita privata. Per tale ragione sono stati creati orientamenti specifici, attività formative, organizzative e sperimentazioni, che hanno la finalità di potenziare le possibilità di lavoro e di carriera delle donne, eliminando e prevenendo la discriminazione al fine di compensarne gli svantaggi. logo cug sito

 

Il decreto legislativo 198/2006 prevede che le Amministrazioni dello Stato, le Province, i Comuni e tutti gli enti pubblici non economici, nazionali, regionali e locali, predispongano piani di azioni positive che mirino a eliminare gli ostacoli che impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne.

I Piani di azione positive prevedono un monitoraggio dell'organico distinto per genere e categoria con lo scopo di far emergere il profilo occupazionale dell'amministrazione; inoltre si pongono il proposito di contenere la descrizione degli obiettivi che l'amministrazione vuole raggiungere con l'attuazione del Piano, la definizione in specifico delle azioni da realizzarsi e le persone coinvolte e, infine, l'impegno di spesa e i tempi di realizzazione.

 

Documento in formato Adobe Acrobatpiano_azioni_positive_Comune_di_Fabriano.pdf

 

Documento in formato Adobe AcrobatDoc-640339210312094054.pdf

CUG

L'art.57 del D. Lgs. n. 165/2001, come integrato dall'art.21 della Legge n.183/2010 (collegato al lavoro) ha previsto, all’interno delle pubbliche amministrazioni, la costituzione del “Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni” (CUG), che sostituisce, unificando le relative competenze, i Comitati per le Pari opportunità e i Comitati paritetici per il fenomeno del mobbing, dei quali assume tutte le funzioni previste dalla legge, dai contratti collettivi relativi al personale delle amministrazioni pubbliche o da altre disposizioni.

Il CUG ha composizione paritetica ed è formato da un componente designato da ciascuna delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello di amministrazione e da un pari numero di rappresentanti dell'amministrazione, in modo da assicurare nel complesso la presenza paritaria di entrambi i generi.

 

Documento in formato Microsoft Wordcug.doc
Documento in formato Adobe AcrobatDECRETO_DIR._56_DEL_26.06.2012.pdf
Documento in formato Adobe AcrobatCUG_piano_azioni-1-1.pdf

Normativa di riferimento

Documento in formato Adobe AcrobatLEGGE 183/2010
Documento in formato Adobe AcrobatDirettiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 04/03/2011 “Linee Guida sulle modalità di funzionamento dei Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni
Documento in formato Adobe AcrobatAvviso di Interpello al personale finalizzato alla nomina del Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (art. 21 L. 183/2010 e Direttiva della Presidenza del Consigli
Documento in formato Adobe AcrobatRegolamento per il funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

unesco fabriano 128px
Medaglia Bronzo al Valor Militare Città di Fabriano
Medaglia di Bronzo al Valore Militare
(D.P.R. 10 maggio 1976)
Back to top